EnglishItalian

ACCEDI | ISCRIVITI | SHOP

Visitare Santiago de Compostela

Luogo simbolo della cristianità, Santiago de Compostela attira ogni anno sempre più turisti. Ovviamente, la Cattedrale, grazie alla sua forza evocativa, rappresenta il luogo simbolo di tutta la città. Il luogo più visitato e, per questo, il più turistico.

Ma Santiago è molto di più. È una città ricca di monumenti, musei, edifici e splendide piazze. Una città che può vantare una delle più antiche Università di tutta la Spagna; una città, che non a caso, è stata dichiarata Capitale Europea della Cultura!

Dunque, non abbiate timori, e preparatevi per un fantastico weekend in giro per la capitale della Galizia. Tre giorni e due notti tutte da vivere.

1 GIORNO Visitare Santiago de Compostela

Che sia per un giorno, due o tre, visitare Santiago de Compostela non può che iniziare dal luogo simbolo della città, ovvero la Cattedrale!

Portatevi, innanzitutto, alla spettacolare Plaza do Obradoiro. Rimarrete incantati! Questa bellissima piazza, incarna lo spirito e la bellezza di Santiago. Da qui, oltre alla scenografica e maestosa facciata della Cattedrale, potrete ammirare alcuni bellissimi edifici; Palacio Gelmírez, un bellissimo edificio del XII secolo, sede dell’Arcivescovado; l’Hospital de los Reyes Católicos, splendido edificio quattrocentesco, oggi sede del lussuoso 5 stelle extra-lusso Parador de Santiago, conosciuto anche come Hostal de los Reyes, appartenente alla catena Paradores. Pazo de Raxoi (Palacio de Rajoy), sul lato ovest, è una costruzione classicheggiante del XVIII secolo; è sede dell’Ayuntamiento e della Presidencia de la Xunta de Galicia, ovvero il Governo della Regione.

Visitare Santiago de Compostela

Beh, eccoci dunque alla Cattedrale. Il luogo per eccellenza. Il luogo magico; sontuoso monumento di arte romanica edificato laddove furono ritrovate le spoglie dell’apostolo di Gesù, Giacomo il Maggiore. Uno dei massimi santuari cattolici di tutto il mondo. Vederla in tutta la sua maestosità lascia davvero di stucco… nonostante la ressa, le continue impalcature. Figuriamoci, cosa debbano provare i fedeli nel vedere questa meraviglia, dopo aver percorso chilometri interminabili a piedi o in bici lungo il Cammino!

Secondo la leggenda, il re Alfonso II delle Asturie fece edificare una piccola chiesa nel luogo in cui fu rinvenuto il corpo dell’Apostolo. La chiesa, successivamente ingrandita, fu completamente distrutta (tranne la tomba) dagli arabi nel X secolo; questi, fecero incetta di tutto, comprese le porte e le campane che furono fatte portare nella moschea di Cordoba! È nel 1075 che iniziarono i lavori dell’attuale Cattedrale.

Una monumentale scalinata seicentesca precede la barocca Fachada do Obradoiro, ovvero, l’ingresso principale della Cattedrale. Ai due lati sorgono le due torri medievali: la Torre das Campus e la Torre de Carraca. L’interno, meraviglioso, conserva alcuni incredibili gioielli: il Portico della Gloria, rappresenta il capolavoro della scultura romanica. La Capilla Mayor è il vero e proprio cuore della Cattedrale; qui si trova l’altare maggiore con la Statua di San Giacomo: ipellegrini, salendo una scala situata dietro l’altare, possono abbracciare la statua e baciare il mantello. Sotto l’altare, invece, si trova la Cripta in cui sono conservate le reliquie dell’Apostolo e dei suoi discepoli.

La Basilica è aperta tutti i giorni, dalle 07:00 alle 20:30. Il Museo della Cattedrale è aperto tutti i giorni dell’anno, domenica e festivi compresi, da Aprile ad Ottobre, dalle 09:00 alle 20:00; da Novembe a Marzo, dalle 10:00 alle 20:00. Chiuso il 01/01, 06/01 e 25/12.

BIGLIETTI: acquistando il Permanent Collection Ticket, si ha diritto all’accesso al Museo e alla Cattedrale. Il biglietto costa 6,00€ per adulto e 4,00€ ridotto. Ingresso da Plaza do Obradoiro. Il Combined Tour, invece, è un biglietto che consente l’accesso al Museo, la Cattedrale e al Cathedral Roof; include visita guidata. Il biglietto intero costa 15,00€, ridotto 12,00€.

Per tutte le info e aggiornamenti, potete fare riferimento al sito ufficiale da questo link.

O Boneco Bar, ad Av.de Raxoi, non distante da qui, è un’ottima soluzione in attesa della serata, o come dopo-cena. Si tratta di un accogliente locale, in cui sorseggiare un buon caffè, od un aperitivo, tra luci soffuse e musica rilassante. Di sera, potete provare ottimi drink o flûte di vino.

È ora di rilassarsi in albergo. Fate una bella doccia. Se il vostro alloggio ha un balcone ampio con una vista che merita… Beh, sedetevi e godetevi il vostro panorama. Che sia quello della città, o del vostro partner. Accendete magari una bella sigaretta, poi… vi aspetta una serata di ergente. Chi pensa che Santiago de Compostela non sia una città piena di movida… Allora non c’è mai stato. Siamo in una città universitaria; ragion per cui, soprattutto di sera, troverete tantissimi ragazzi che invadono le vie del centro storico. Qui, la vita notturna è vivace, frizzante. Troverete locali aperti fino a tarda serata!

Nella zona del Centro Storico troverete ottimi bar-copas in cui trascorrere una piacevole serata; ovviamente, mettete prima qualcosa sotto i denti: le alternative non mancano! Potrete scegliere secondo i vostri gusti perché i locali si differenziano per stile, clientela, e musica. Buona serata.

2 GIORNO Visitare Santiago de Compostela

Santiago, come detto, è anche e soprattutto una città piena di luoghi, siti d’interesse che vale la pena visitare.
Alameda de Santiago

Photo, 2004 Alquiler de Coches

Soprattuto, è una città piena di verde. Dunque, cosa c’è di meglio, se non iniziare la giornata nel bellissimo Alameda Park? Non molto distante dal centro storico, Alameda è un autentico polmone verde, con alberi secolari, numerose statue ed una vista davvero mozzafiato sulle guglie della Cattedrale, lungo il meraviglioso passeggio del Paseo de Ferradura. In cima, si trova la Igrexa de Santa Susana: piccola chiesa che conserva un portale romanico. Passeggiate tranquillamente in questa oasi di pace naturale. Il parco è davvero tenuto bene, pulitissimo, con tanti viali alberati e laghetti. L’ideale per rifocillarsi dopo le fatiche del Cammino (!!). Il parco è piuttosto frequentato; tanti decidono anche di fare jogging.

A pochi minuti di distanza dal Parco, Plaza del Toral, con la sua fontana ottocentesca, conduce per il centro cittadino per le Rúas. Per un “rapido boccone”, a Rúa do Franco e la parallela Rúa do Villar, avrete solo l’imbarazzo della scelta; taverne, bar-tapas, ristoranti e fast food.

Mercado_de_abastos,_Santiago_de_Compostela,_Coruña

Photo, 2014 Jaccroube

Il nostro consiglio? Lasciate stare fast food, taverne e quant’altro.. puntate Rúa da Senra, camminando per qualche centinaio di metri fino a quando arriverete a Plaza de Abastos. Qui, troverete  l’imperdibile Mercado de Abastos. Beh, noi di Kanoa siamo davvero amanti del… genere. Soprattutto se in “vetrina” ci sono primizie, prodotti locali, bontà genuine, fresche e dall’ottimo rapporto qualità/prezzo. Ed è il caso del Mercado de Abastos.

Si tratta di un grande mercato cittadino all’intero di un edificio al coperto. Trovate di tutto: c’è davvero tanta varietà. Divertitevi a toccare, annusare, guardare; potete scegliere tra carne, pesce, formaggi, prodotti tipici, verdure e frutta. Potete acquistare, ed anche farvi cucinare al momento, nel Bar del mercato stesso; potete sormeggiare un aperitivo, un bicchiere di Vino bianco accompagnati dalle immancabili “Tapas” sulle sedie a trespolo. Il mercato, oltretutto, è molto pulito. Prezzi ginsti, tanta cordialità, simpatia e aria gioiosa.

Il Mercado de Abastos è aperto dal lunedì al sabato, dalle 07:00 alle 18:00. Chiuso la domenica e i festivi. L’ingresso è gratuito: pagate solo ciò che acquistate o consumate. Difficilmente ve ne andrete senza aver portato via qualcosa! Per tutte le info, potete consultare il sito ufficiale da questo link.

All’esterno del mercato troverete anche numerosi contadini che vendono i prodotti della loro terra.

Mazarelos_square,_Santiago_de_Compostela,_Galicia

Photo, 2010 Iago Pillado

A Plaza de Mazarelos, pochi metri dopo, si trova l’omonimo Arco; si tratta dell’unico arco che si è conservato delle antiche mura medievali. È giusto, adesso, smaltire quanto eventualmente ingurgitato. Consigliamo una passeggiata lungo Rúa do Vilar in cui troverete grandi palazzi rinascimentali, barocchi e neoclassici che testimoniano il carattere privilegiato che un tempo possedeva questa via. La strada conduce a Plaza de Las Plateriás, una bellissima  piazza adiacente la cattedrale. Nelle notti d’estate, tra l’altro, è piuttosto vivace e si può passeggiare da qui al centro godersi la città. È così chiamata per le botteghe degli orafi qui presenti durante il Medioevo. Al centro si trova la Fuente de los Caballos, ovvero, la Fontana dei Cavalli; sullo sfondo, la Casa do Cabido è uno storico edificio in stile barocco, del XVIII secolo.

Nella successiva Plaza de la Quintana, spicca la Torre da Berenguela, così chiamata in onore dell’arcivescovo che la fece costruire nel XIV secolo. Bella la Piazza; altrettanto, la Torre dell’orologio, che scandisce le ore emettendo il suono inconfondibile. Non distante da qui, il Monasterio de San Martín Pinario, è un antico monastero benedettino fondato nel X secolo. È situato a nord della Cattedrale; riedificato nel XVI secolo, attualmente è adibito a seminario diocesano, ed è articolato su 3 chiostri. Annessa, si trova l’interessante Chiesa di San Martin, con una facciata del XVI secolo.

Pano_bonaval

Photo, 2008 Lansbricae

Il Parque de Santo Domingo de Bonaval, rappresenta una delle tante oasi di verde cittadino. È stato inaugurato nel 1994 e vanta una superficie di 37047 metri quadrati. Oltre ad essere un parco pieno di verde, fiori e piante secolari, accoglie all’interno l’interessante Museo do Pobo Galego, un Museo etnografico di cui consigliamo la visita. Il museo è stato inaugurato nel 1977 nell’antico convento dominicano di San Domingos de Bonaval. Nel 1993, la Xunta de Galicia, ne ha riconosciuto l’alto valore e importanza nella tradizione galiziana; ad oggi, dunque, rappresenta uno dei simboli nella diffusione e promozione del patrimonio storico-antropologico galiziano. Assolutamente imperdibile per chi volesse visitare Santiago de Compostela

Il museo si compone di Otto sale d’esposizione permanente, e due dedicate alle mostre temporanee. Nelle sale, sono esposte opere d’arte e archeologia;  le opere riguardano il mare, il commercio, la campagna, i vestiti, la musica, l’habitat e l’architettura, la società, i lavori, la stampa e altro ancora. La collezione comprende tre sezionii: arte, archeologia ed etnografia. Vanta circa 10000 pezzi.

Il museo è aperto tutti i giorni, tranne il lunedì, osservando i seguenti orari: – Dal martedì al sabato, dalle 10:30 alle 14:00 e dalle 16:00 alle 19:30; – domenica e festivi dalle 11:00 alle 14:00. Il biglietto intero costa 3,00€. Ridotto (over 65 e studenti) costa 1,00€. Studenti under18 non pagano. Tutte le domeniche INGRESSO GRATUITO. Per tutte le info vi invitiamo a consultare il sito ufficiale da questo link.

3 GIORNO Visitare Santiago de Compostela

Siamo ormai alla fine del tour per visitare Santiago de Compostela. Se foste in compagnia di bambini, il modo migliore per chiudere la vacanza è visitare il Museo di Storia Naturale. Collezioni estremamente vaste ed interessanti. Attività interattive che coinvolgeranno i vostri bambini; perfetto per apprendere e scoprire. Pur essendo rivolto ad un pubblico di ogni età, il Museo è particolarmente indicato per i più piccoli.

È aperto, in inverno, dal martedì al Sabato, dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 16:30 alle 20:00; in estate, dal martedì al Sabato, dalle 11:00 alle 14:00 e dalle 16:30 alle 20:30; la domenica, sempre, dalle 11:00 alle 14:00. Chiuso il lunedì. Il biglietto d’ingresso costa 3,00€ per adulto e 2,00€ per under 18. Col biglietto FAMILIA entrano un adulto ed un bambino al costo di 4,00€.

Info e aggiornamenti da qui, sul sito ufficiale.

Ovviamente, le alternative a quanto sopra proposto, non mancano. Il centro storico, coi suoi vicoli, le belle stradine e i palazzi antichi, riserva sempre un gran spettacolo.

Raggiungere Santiago de Compostela dall’Italia con aereo, auto, a piedi o bici lungo il Cammino. Info pratiche, collegamenti aeroporto centro. Orari bus

Info pratiche per Muoversi per Santiago de Compostela con i mezzi pubblici. Orari, prezzi biglietti degli autobus. Spostarsi in città.

La guida per visitare Santiago de Compostela. Cattedrale, Parador, Museo, Pobo Galego, Storia Naturale, Parque Bonaval, Alameda, Paseo Ferradura e altro