Lingua

Vacanza a Ibiza. Musei e attrazioni e cosa fare e vedere sull'isola

Vacanza a Ibiza

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter




Una vacanza a Ibiza non è solo mare, discoteche e folle divertimento. O, almeno, non dovrebbe esserlo. La regina delle Baleari, infatti, è un luogo ricco di storia, arte e cultura. 

Ibiza, nel corso della storia, è stata punto di passaggio di numerose civiltà. Una storia di popoli, che l’hanno plasmata fino a renderla unica e orgogliosa, con una forte identità, che custodisce gelosamente.

L’impronta lasciata sull’isola del passato fenicio, è praticamente ovunque. A tal proposito, il nostro consiglio è di addentrarvi nella grotta di es Culleram, a Sant Vicent de sa Cala. Un antico santuario dedicato a Tanit, Dea della fertilità, della salute, della vita e della morte.

Questo luogo, quasi mitologico, immerso in un ambiente naturale di impressionante bellezza, vi sedurrà fin dal primo istante.

Ma è nel villaggio di Sa Caleta, a Sant Josep, che i fenici si insediarono per la prima volta a Ibiza; proprio qui, sono presenti testimonianze di antiche abitazioni, e resti archeologici che risalgono all’VIII e al VII secolo a. C.; da non perdere la visita di questo sito archeologico, dichiarato Patrimonio dell’Umanità.

Strette stradine, piccole piazze dal tracciato irregolare e costruzioni architettoniche di forme diverse, fanno dell’impronta fenicia un vero complesso monumentale all’aperto.

Necropolis Del Puig des Molins, Ibiza

Photo ©, JanManu

Puig des Molins, è la necropoli di epoca fenicia, più grande, e meglio preservata al mondo. Il suo valore storico è praticamente inestimabile. Se possibile, nel corso della vostra vacanza a Ibiza, cercate di visitarlo la domenica mattina, usufruendo dell’ingresso gratuito in questa giornata.

Passeggiate in questo spazio enorme, insignito come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, circondato da ulivi e dove si respira la quiete; potrete vedere le ceramiche, sculture di terracotta e amuleti trovati durante gli scavi, molti dei quali sono esposti nel Museo Archeologico di Dalt Vila, la parte più antica del centro storico di Eivissa.

Puig des Molina è aperto, da ottobre a marzo, dal martedì al sabato, dalle 09:30 alle 15.00, e domenica dalle 10:00 alle 14:00.
Da Aprile a Settembre, dal martedì al sabato, dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 18.30 alle 21.00, e domenica dalle 10:00 alle 14:00. Tutto l’anno, CHIUSO il lunedì e festivi.



Il Biglietto d’ingresso a tariffa standard costa 2.40 €, e ridotto 1.20€. Ingresso GRATUITO ogni domenica.

Dalt Vila è la parte antica di Ibiza. Si tratta di una cittadella fortificata che domina la baia da uno straordinario promontorio. Qui, nel 654 a.c., i Cartaginesi fondarono la città di Bes, poi occupata dagli Arabi nel 902, e dai Catalani nel 1235.

Dal porto si possono ammirare le possenti mura di cinta a forma di ettagono, che servivano per proteggere la cittadella durante gli attacchi.

Dalt Vila è un museo all’aria aperta, dichiarato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco, tra palazzi storici, monumenti antichissimi ed il famosissimo Museo Archeologico di Ibiza e Fromentera.

Dalt Vila 004

Photo ©, Xaviduran

Il Museo Archeologico di Ibiza e Formentera, propone un percorso lungo la storia di queste due isole, dalla preistoria alla riconquista cristiana, attraverso reperti di grande valore. È situato nella parte monumentale di Eivissa, ed occupa vari edifici. Tappa culturale da non perdere durante la vacanza a Ibiza.

La mostra permanente abbraccia più di tremila anni di storia ed è suddivisa in sei aree tematiche: preistoria, colonizzazione fenicia, epoca punica, alto e basso impero romano, tarda antichità e medioevo islamico.

Lascia un commento

Tutto sull'isola



Speciale Spagna

Prenotazioni

Mappa Dell'isola

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email