Lingua

Come raggiungere la portoghese Faro, in Algarve, dall’Europa

FARO

Faro, Algarve

Dici Faro, e subito pensi all’Algarve. E non potrebbe essere altrimenti.

La città portoghese, grazie alla presenza di un importante scalo aeroportuale internazionale, rappresenta la base di partenza per una vacanza nelle splendide regioni limitrofe.

Nonostante ciò, Faro è riuscita a mantenere un ruolo tutt’altro che marginale, nell’ambito turistico.

Basta poco per rendersi conto che Faro può essere un punto di arrivo per una vacanza. Tranquilla, con un’atmosfera genuina, un centro storico bello e concentrato, un’efficiente servizio di trasporto pubblico.

Ecco, alcuni dei motivi per cui vale la pena trascorrere una vacanza, seppur breve, da queste parti.

COME ARRIVARE

AEREO

Grazie alla presenza di un importante scalo internazionale, tra i maggiori di tutta la penisola iberica, il metodo migliore per arrivare a Faro è l’aereo.

Numerose compagnie, specie in alta stagione, effettuano collegamenti diretti con le principali destinazioni europee.

L’aeroporto si trova a pochi chilometri al centro, ed è servito dai mezzi pubblici. Il centro può essere raggiunto con le linee di autobus 14 e 16, operative tutta la giornata, dalla mattina alla sera. Il biglietto si acquista direttamente a bordo al costo di 2.30€ a persona.

Tutte le info pratiche sono disponibili sulla nostra pagina speciale, a questo link.

TRENO

Estaçao de Faro è la stazione centrale ferroviaria, situata in pieno centro. È attraversata dalla Linha do Algarve, che attraversa gran parte della costa meridionale da Est ad Ovest, per un totale di 240 km circa. I due capolinea sono Lagos e Vila Real de Santo Antonio.

Arrivare in treno, partendo da destinazioni europee, è un’ipotesi da scartare, in considerazione dei tempi. Basti pensare che, da Lisbona, si impiegano più di tre ore per arrivare.

AUTO

Poco, o nulla, cambia rispetto all’utilizzo del treno. La regola, in genere, vale per tutto il Portogallo. Arrivare in auto, anche qui, è da prendere in considerazione soltanto avendo come base di partenza la Penisola iberica; in particolare Madrid e il sud della Spagna. Qui, le distanze non sono proibitive.

Siviglia, dista appena 250 chilometri, mentre Malaga, poco più di 400.La Capitale spagnola, dista circa 700 chilometri.

Già da Barcellona, invece, bisogna mettere in conto oltre 1000 chilometri, difficilmente percorribili in una sola giornata.