Lingua

Cammino di Santiago

“Quando si va verso un obiettivo, è molto importante prestare attenzione al Cammino. È il Cammino che ci insegna sempre la maniera migliore di arrivare, e ci arricchisce mentre lo percorriamo”.
[Il cammino di Santiago, Paulo Coelho]

IL CAMMINO DI SANTIAGO

Ogni anno, oltre 200000 individui percorrono il Cammino di Santiago de Compostela, la cui meta, è la straordinaria Cattedrale dell’Omonima città che ospita le spoglie di San Giacomo. Senza dubbio, può essere considerato la via di peregrinazione per eccellenza.

Di Cammini, ce ne sono davvero tanti; oggi è difficile trovare un solo motivo che possa spingere un individuo ad affrontare i circa 800 chilometri (la lunghezza varia a seconda del cammino e dei punti toccati) che bisogna percorrere per arrivare a destinazione. Fede, voglia di avventura, di conoscenza o, magari, riuscire a capire dove ci si possa spingere. Percorrere a piedi, poi, l’intero tratto può richiedere parecchio tempo: dipende tutto dai propri ritmi, ovviamente.

Nella mente di tanti, è ben impressa la scena del pellegrino con indosso un buon paio di scarponi, che, zaino in spalla, intraprende il cammino. Un simile percorso, così magico, necessita che sia vissuto in prima persona: solo così si può comprendere appieno il senso del Cammino di Santiago; perché non capita tutti i giorni di percorrere centinaia di chilometri a piedi o in bicicletta, addentrandosi per sentieri o paesini quasi sperduti, in cui il tempo pare essersi fermato.

Tuttavia, in questa sede, l’intento è, soprattutto, presentare l’incredibile patrimonio di monumenti e località affascinanti che incontrerete lungo il vostro percorso. Un itinerario da percorrere, perché no, anche “on the road”. Un tour che, per quanto possa essere meno magico e suggestivo di quello “classico”, vi porterà a scoprire meravigliosi luoghi. Non è un caso, infatti, che lungo il Cammino, siano ben nove i luoghi dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Dunque, non mi resta che augurarvi…. buon viaggio!